Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

OSS di Sala Operatoria - L'operatore socio sanitario in sala operatoria. Chi è e cosa fa.

L'operatore socio sanitario (oss) in sala operatoria non è affatto una recente novità. In moltissime aziende ospedaliere l'operatore socio sanitario è stato inserito stabilmente nelle equipes di sala operatoria già a partire dai primi anni 2000 ovvero dalla sua nascita - ricordiamo che l'operatore socio sanitario è stato istituito dalla conferenza Stato-Regioni nel febbraio 2001. Recentemente addirittura si ipotizza la figura dell'oss strumentista e in alcune realtà in Trentino Alto Adige si sta già sperimentando.

In questo articolo però tralasceremo le sperimentazioni e vedremo ciò che ad oggi è la realtà della figura dell'operatore socio sanitario di sala operatoria. 

Se ne facciano una ragione, una volta per tutte dunque quei pochi infermieri che ancora pensano di tutelare la propria professione continuando ad attaccare in basso senza rendersi conto che lo svilimento della loro professione arriva da un'altra parte. O peggio, per la vera e propria paura di portare gli attacchi verso l'alto, verso la classe medica e politica con la quale non basta ostentare una laurea e pretendere per questo di vincere facile, ma con la quale bisogna scontrarsi quotidianamente avendo la capacità di entrare nel merito delle questioni.

Operatore socio sanitario in sala operatoria

Cosa fa l'operatore di sala operatoria? L'operatore di sala operatoria viene principalmente impiegato in sostituzione dell'infermiere di sala operatoria detto anche infermiere circolante o "terzo di sala". L'oss di sala operatoria quindi svolge esattamente le stesse identiche mansioni dell'infermiere di sala operatoria. Mansioni a basso livello discrezionale e ad alta riproducibilità (quando un mantra si ritorce contro...) e nello specifico provvede ad aprire il materiale sterile all'infermiere strumentista. Collabora con l'equipe per il corretto posizionamento del paziente sul tavolo operatorio. Collabora con l'infermiere strumentista nell'allestimento del campo operatorio e nel collegamento dei cavi elettrici e dei tubi degli aspiratori. Sistema le lampade scialitiche sul campo operatorio. Collabora con l'infermiere strumentista nel conteggio delle garze e dei taglienti. Al termine dell'intervento collabora per il disfacimento del campo operatorio e per il successivo ripristino della sala operatoria.

Come si diventa oss di sala operatoria? Non ci sono al momento corsi specifici per diventare oss di sala operatoria e chi fosse intenzionato a diventare operatore socio sanitario di camera operatoria riceve l'adeguata formazione direttamente sul campo con un affiancamento di circa due o tre mesi con oss e infermieri esperti. Del resto anche per gli infermieri spesso funziona esattamente allo stesso modo. Non tutti gli infermieri strumentisti hanno un Master specifico e non tutti gli infermieri che possiedono un Master svolgono le funzioni coerenti con esso.

Quanto guadagna un oss di sala operatoria? L'oss di sala operatoria guadagna esattamente quanto gli oss impiegati nelle altre unità operative. Ciò che cambia sono le indennità che ovviamente variano in funzione della turnazione e/o delle pronte disponibilità effettuate.

A chi e a cosa serve inserire l'oss in sala operatoria? Aver inserito gli operatori socio sanitari in sala operatoria è servito sicuramente a ridurre i costi. A parità di prestazione effettuata, l'oss costa un 30% meno dell'infermiere. In generale ci hanno sempre parlato della nascita dell'operatore socio sanitario dovuta alla carenza infermieristica. Carenza che pare fantomatica almeno quanto l'isola di Atlantide. Ad oggi abbiamo oltre 60.000 infermieri in cerca di occupazione. E più in generale se mai ci fosse stata una qualche reale carenza infermieristica, pensate che gli infermieri italiani sarebbero stati pagati così poco? Delle due una: o la carenza infermieristica non è mai esistita o la capacità contrattuale degli infermieri è sempre stata meno di zero.

Qualcuno si ricorda come facilmente concedevano i part time negli anni novanta? Pensate lo facessero per l'altissima attenzione verso i bisogni dei dipendenti o fossero concessi per tagliare facilmente i costi delle piante organiche e ridurre il personale (meno ore lavorate) senza licenziare?! Poi venne anche il blocco dei turnover...

OSS strumentista: OSS strumentista in sala operatoria, più che un'ipostesi

Una cosa è certa, se l'oss esegue le stesse mansioni e ti fa risparmiare il 30% l'oss sarà la scelta vincente e le aziende pubbliche e private la imporranno in tutti i modi. Quello che invece dovrebbero capire alcuni infermieri è che l'infermiere deve fare l'infermiere  ovvero il professionista non sostituibile e pretendere di essere presente con la giusta dotazione organica. E quindi, non avendo paura di perdere alcune mansioni (a bassa discrezionalità e altamente riproducibili...).

 

 


Autore
redazione
Author: redazioneWebsite: https://www.operatoresociosanitario.netEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Alcune informazioni su di me:
www.operatoresociosanitario.net il sito dedicato all'operatore socio sanitario (oss)
Altri articoli di questo autore

ULTIMI CONCORSI INSERITI

IMAGE Lunedì, 11 Dicembre 2017
Concorso oss ISRAA di Treviso
IMAGE Lunedì, 11 Dicembre 2017
Concorso oss selezione di Gubbio
IMAGE Martedì, 12 Dicembre 2017
Concorso oss nuova selezione a Vicenza
IMAGE Mercoledì, 13 Dicembre 2017
Concorso oss RSA Muzan
IMAGE Giovedì, 14 Dicembre 2017
Concorso oss 137 posti Ospedale di Foggia
IMAGE Martedì, 05 Dicembre 2017
Concorso oss a 10 posti ASL Napoli 2