Questo sito utilizza alcuni cookies per migliorare i servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Blog oss



L’unione sindacale di base (USB) sostiene e promuove le vertenze in tutti i luoghi di lavoro, per il riconoscimento del "Tempo Divisa".
A tutte le Fondazioni, RSA, Cooperative Sociali, Case di Riposo, Ospedali Privati, Cliniche Private, ecc……

Inizia la battaglia per il “Tempo Divisa”. Perché indossare la divisa e le scarpe è considerato tempo di lavoro in tutte le sedi di lavoro. Le Lavoratrici ed i Lavoratori che hanno l’obbligo di indossare una divisa, hanno il diritto del riconoscimento del “Tempo Divisa”. Pertanto tutte le Amministrazioni hanno l’obbligo di trovare un accordo (Sindacale), per il riconoscimento del tempo necessario al Lavoratore di cambiarsi e di raggiungere il proprio posto di lavoro.

Noi di USB, da tempo abbiamo lanciato una forte battaglia per il riconoscimento del “Tempo Divisa” perché questa vertenza; Una direttiva comunitaria del 2003 che dice: “L’orario di lavoro è qualsiasi periodo in cui il Dipendente sia al lavoro a disposizione del datore, nell’esercizio della sua attività e delle sue funzioni, indossare una divisa, o una tuta da lavoro, vuol dire eseguire disposizione dell’azienda, cioè svolgere un’attività che deve essere retribuita”.

Oss in divisaAltre sentenze favorevoli si sono in seguito aggiunte, molti accordi aziendali sono stati sottoscritti dove USB è presente, molte vertenze sono state vinte da USB in tutta Italia. E' ancora più importante la posizione della Direzione Generale Sanità della Regione Lombardia in merito al riconoscimento del tempo di vestizione, inviando a tutte le Direzioni Aziendali una nota che chiarisce senza ombra di dubbio che il tempo impiegato per la vestizione del personale deve essere retribuito.

Facciamo quattro conti: in un solo giorno di lavoro, tra vestirsi per iniziare un turno e spogliarsi prima di tornare a casa, si perdono tra i 10 e i 15 minuti, se si considera una media di 10 minuti impiegati tra vestirsi e spogliarsi, in capo ad un anno da 260 giorni di lavoro, i minuti diventano 2.600, cioè quasi 43 ore ( 7 giorni di ferie o riposi in più) contado gli otto anni anni di arretrato spettanti (2003-2011) 2600 minuti x 8 anni fanno 20.800 minuti, pari a 357 ore (una media di 57 giorni di ferie o riposi in più) oppure queste ore di arretrato spettanti possono essere convertiti in euro e facendo una piccola ipotesi di € 10,00 all’ora al dipendente spetterebbero Euro 3.570 pro capite, queste sono le ferie o riposi lasciati oppure i soldi regalati ai Padroni.

Da questi conti che USB ha deciso a livello Regionale e Nazionale di avviare le vertenze in tutti i posti di lavoro per portare Salario e diritti in un contesto dove Governi, Regioni, Padroni, e i loro “amici” cgil, cisl, uil, tagliano salari e diritti. Sappiamo che in alcune strutture è bastato la nostra comunicazione, o il nostro volantino per “svegliare” gli altri sindacati, che come loro abitudine non gli riesce di fare altro che rincorre USB sui diritti, purtroppo non per recuperare terreno sulle proposte, ma unicamente per ostacolare USB.

USB Sanità Privata oltre che al confronto con tutte le amministrazioni, userà tutti gli strumenti per far rispettare i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori

Unione Sindacale di Base - Lavoro Privato – Lombardia
Via Mossotti 1 20159 Milano
Tel. 02683091 fax 026080381
www.lombardia.usb.it
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 3382523437

CONTATTA LE SEDI USB DELLA TUA PROVINCIA, OPPURE I NUMERI ELENCATI PER DAR VOCE ALLE TUE RIVENDICAZIONI
ISCRIVITI E SOSTIENI LE LOTTE DI USB PER SALARIO DIRITTI E DIGNITA’


TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE



Un operatore socio sanitario candidato a Piacenza
OSS in Lista anche in quel di Piacenza

San Nicolò (PC) - C'è anche un operatore socio sanitario tra i candidati del movimento 5 stelle di Beppe Grillo alle prossime elezioni amministrative.

Il noto comico genovese, accusato di aver presentato liste di inesperti, replicava: Si, vero. I miei ragazzi sono ancora inesperti, infatti non sanno rubare!

Oltre le battute, condivisibili del resto. Non possiamo non fare i nostri migliori auguri al collega oss candidato a San Nicolò e ai tanti colleghi oss candidati in qualsiasi lista. Portate avanti la voce ed i bisogni della categoria alla quale appartenete e sappiate fare tesoro della vostra posizione qualora verrete eletti.


TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE



Ospedale San Giovanni Addolorata di RomaDa Ausiliari ad OSS
1000 ore di corso alla modica cifra di 2.100 euro. Niente di più facile...

Operatore Socio Sanitario qualificato o perdete il lavoro.
I lavoratori corrono subito ad iscriversi al corso oss organizzato a Roma proprio per loro. 2.100 euro il costo del corso riservato agli ausiliari che lavorano al S. Giovanni Addolorata per frequentare i corsi di formazione e conseguirne l’attestato di qualifica di Operatore socio sanitario

Gianni Romano il segretario regionale della Fials Confsal, dopo un incontro con alcuni lavoratori ai quali i datori di lavoro hanno chiesto di riqualificarsi in operatore socio sanitario per mantenere l’impiego, non usa mezzi termini: è pur vero che la sanità del Lazio a causa della crisi finanziaria ha già raschiato il fondo del barile, ma che a pagare debbano essere sempre i più deboli è e rimane inaccettabile sotto ogni profilo” I corsi oss inizieranno tra un mese circa e per 2.100 euro si offrono 600 ore di didattica e 400 di tirocinio non retribuito. A conti fatti il corso di qualifica, all’operatore sanitario che percepisce un reddito di circa 16.000 euro annui, costa di più diventare OSS che partecipare a un corso di laurea triennale in Infermieristica, della durata complessiva 5.600 ore all’università La Sapienza di Roma. Ma ancora più grave – prosegue Romano – è il fatto che il costo dell’iscrizione è stato deliberato da un Ente già finanziato con i fondi pubblici regionali per tutte le attività, didattica compresa




TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Iniziativa rivolta agli oss ma anche agli infermieri ai medici e a tutti i professionisti coinvolti nell'assistenza di base, infermieristica e medica
Sei un oss o un infermiere e ti piace scrivere? Hai realizzato degli articoli o degli abstract e vorresti venissero pubblicati? Il sito oss ti dà la possibilità di diffondere i tuoi articoli all'interno delle proprie pagine. 

I tuoi lavori
verranno letti dalle decine di migliaia di lettori che ogni mese visitano il sito oss

Pubblicare i tuoi articoli è molto facile! Basterà inviarci una e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con l'articolo in allegato nei formati più comuni: doc odt pdf o txt e l'autorizzazione alla pubblicazione. I lavori anche se non pubblicati non verranno restituiti quindi si consiglia di conservarne una copia.
 
E' facoltà dello staff del sito, rimuovere la pubblicazione degli articoli in qualsiasi momento, senza alcun preavviso in particolare di quegli articoli che risultassero non inediti o pubblicati su altri siti web
 
Autore oss
 
I migliori articoli verranno pubblicati nel sito oss nelle sezioni ritenute più idonee. Gli articoli devono riguardare uno o più argomenti trattati sul sito oss o comunque argomenti di interesse assistenziale infermieristico o sanitario ed essere preferibilmente inediti o in caso contrario deve essere specificata la precedente pubblicazione e gli eventuali diritti della stessa.
 
Infine mettiamo a disposizione in un file .pdf una breve guida alla scrittura per chi non ha esperienza nella stesura di articoli


Rovigo, 11 novembre 2010 - Prima di assumere una persona, il datore di lavoro ha il diritto di sapere se questa persona ricopre cariche politiche o sindacali, se ha figli o parenti disabili, se fa o no volontariato e quante volte si ammala in un anno. Si tratta di una discriminazione? Apparentemente, no. Ma la domanda vera è: come verranno usate le risposte del candidato ai fini dell’assunzione?

Diritti degli operatori socio sanitari (OSS)Qualche giorno fa, l’Ulss 18 ha chiuso un bando di mobilità per la posizione di un operatore socio sanitario. Al di là del posto disponibile, da questa selezione sarà ricavata una graduatoria da cui attingere nel momento del bisogno (presumibilmente già dal primo semestre del 2011, dopo i pensionamenti in programma). Nel bando di adesione alla selezione però, si chiede di specificare alcuni dettagli che poco hanno a che fare con le competenze necessarie, ovvero: il numero di giorni di assenze per malattia degli ultimi due anni, il godimento dei benefici previsti dalla legge 104 (permessi di lavoro per l’assistenza a famigliari disabili, ndr) e dalla legge 267 (permessi per lo svolgimento di attività istituzionali, ndr).

Domande come queste potrebbero essere poste per una questione organizzativa, ma il rischio che una risposta positiva influisca in modo discriminatorio sulla selezione dei candidati, c’è. «Trattandosi di diritti acquisiti, non si capisce la necessità di indagare chi ne usufruisce e chi no – spiega la consigliera di parità provinciale, Anna Maria Barbierato – si tratta di quesiti discriminatori per tutti e per le donne, che più spesso usufruiscono dei permessi per la cura della famiglia, lo sono doppiamente».

Del contenuto del bando è stata informata la consigliera di fiducia dell’Ulss 18, Rosa Amorevole, che ne valuterà la legittimità. «Sarà certamente un bando legittimo – commenta l’assessora alle pari opportunità del Comune di Rovigo Giovanna Pineda – ma se ricoprire cariche politiche o sindacali è discriminante per avere il lavoro, allora è bene capire in che modo».

E la perplessità tocca anche i sindacati. «Si tratta di domande tese ad accertare quante assenze potrebbe fare una persona – osserva Antonio Barbiani (Cisl-Fp) – di illegittimo non c’è nulla, ma potrebbero celare un atteggiamento discriminatorio». «La richiesta delle ore di assenza è legittimata da una delle previsioni del ministro Brunetta – spiega Davide Benazzo (Fp-Cgil) – perciò qui è la normativa ad essere discriminatoria. Le altre hanno il sapore di un oscuro passato. Verificheremo per vie legali la loro legittimità». Più fiduciosa è la posizione della Uil-Fpl: «Voglio pensare che siano quesiti posti per motivi organizzativi – tuona Fabio Osti – se così non fosse, si tratterebbe di una forma palese, altro che celata, di discriminazione».
di MILENA FURINI



  1. Corso oss un concorso solo per cominciare
  2. In arrivo i corsi oss a Pesaro
  3. Nuovi corsi oss presto ad Ascoli
  4. Oss in Sicilia un autunno bollente
  5. Buone notizie per gli OSS di Matera
  6. Salva tutto perchè la fine di Facebook è vicina
  7. Facebook è morto
  8. Selezione per operatori socio assistenziali e operatori socio sanitari
  9. Sanità malata: 20 letti, 200 dipendenti
  10. Prelievi? Iniezioni? Catetere? L'infermiere ora ha lo studio
  11. Cade dalla barella e muore, la Procura indaga
  12. Siglato nuovo contratto lavoro strutture private
  13. Corso per Operatore Socio Sanitario, disponibili 60 posti - Nove da Firenze
  14. A Tarantasca un corso formativo per operatori socio sanitari
  15. Formazione per operatori nel settore socio sanitario
  16. Concorso per Operatore Socio Sanitario: pubblicato l'elenco dei ... - Tuononews.it - Quotidiano online di informazione e cultura di
  17. Oss, in autunno due nuovi corsi - ParmaDaily.it
  18. L'Avulss promuove un corso di base per il volontariato socio sanitario - Localport
  19. Bando per la gestione dei progetti di riqualificazione oss - Vivere Ascoli (Blog)
  20. Caso sanità: RdB-USB, 'Se qualcuno ha sforato deve pagare!' - Vivere Senigallia
  21. La Prova scritta di un Concorso OSS
  22. Riqualificazione degli operatori socio sanitari di pesaro urbino
  23. Editoriale OSS di Marzo
  24. Oss a La spezia qualche speranza di assunzione
  25. Corsi oss il Tar accoglie il ricorso dei cittadini
  26. Editoriale OSS di Febbraio
  27. Editoriale OSS di Gennaio
  28. Editoriale OSS di Dicembre
  29. Editoriale OSS Novembre 2008
  30. Editoriale del 14 ottobre 2008
  31. Adesione sciopero sanità privata oltre 80%
  32. Primo editoriale 12 settembre 2008
  33. Sciopero generale il 17 ottobre prossimo
  34. OSS di quartiere a Forlì
  35. Rinnovo CCNL cooperative sociali
  36. Rinnovo CCNL coop sociali scandaloso
  37. Manifestazione contro i corsi OSS a pagamento