50 OSS in meno nell'organico del San Matteo

Sarebbero almeno 50 gli operatori socio sanitari da assumere al San Matteo secondo Grignani (UIL).

Pavia. Mancano gli OSS al San Matteo, gli operatori socio sanitari che si occupano dei bisogni dei malati integrando l’assistenza medica di dottori e infermieri: figure professionali importanti soprattutto per pazienti poco autosufficienti o con ridotta mobilità.

Il sindacalista Grignani: «Servono per garantire un livello minimo di assistenza ai pazienti e condizioni di lavoro migliori»

«Ne mancherebbero circa 50 per garantire un livello minimo di assistenza ai pazienti e condizioni di lavoro migliori», afferma Marco Grignani, della Uil Fpl. È la denuncia che fa il sindacato, tenendo alta l’attenzione sull’ormai strutturata crisi di organico del sistema sanitario nazionale, che interessa anche i reparti del San Matteo.

Il disagio non può che aumentare ora che è necessario garantire le ferie estive al personale che necessariamente è costretto a fare i salti mortali per coprire le assenze dei colleghi. La coperta ormai è troppo corta, fin quando si potrà continuare a saltare i riposi e a fare i doppi turni?! Questa situazione è come una bomba ad orologeria, il disagio è ormai divenuto insopportabile. E' necessario pertanto assumere da subito decine di operatori socio sanitari