Gravi disagi per i nuovi OSS assunti dalla ASP di Messina

ASP di Messina: Scoppia il caso degli Operatori socio sanitari “facchini” all'ospedale di Taormina.

TAORMINA – In ritardo di anni arrivano gli OSS anche all'ospedale di Taormina. Sono i 47 nuovi operatori socio sanitari giunti alla ASP di Messina da tutta Italia attraverso un bando di mobilità regionale e interregionale.

Quella che sembrava un'ottima notizia rischia però di trasformarsi in una vera e propria beffa perché stando a quanto denunciato da loro stessi, i nuovi operatori socio sanitari vengono impiegati impropriamente per attività di facchinaggio e magazzino.

La denuncia ricevuta dalla nostra redazione da parte di alcuni colleghi OSS che pur volendo rimanere anonimi temendo ripercussioni, non usano mezzi termini è chiara ed inequivocabile: Ci usano come facchini! Dobbiamo scaricare quotidianamente interi bancali dai camion, movimentarli e trasportarli fino nei reparti. Veniamo impiegati prevalentemente in attività che poco o nulla hanno a che fare con il nostro profilo professionale. Non siamo operai ne tantomeno facchini. E già abbiamo interpellato i sindacati. Dopo anni di sacrifici in giro per l'Italia e dopo aver accumulato esperienze preziose in grandi ed importanti aziende ospedaliere del nord, non possono trattarci così.

Paradossale: è il commento del segretario provinciale FIALS Domenico La Rocca, da sempre vicino agli operatori, che la nostra redazione ha interpellato in merito, che aggiunge: è assolutamente inaccettabile che alcuni operatori socio sanitari, naturalmente destinati ad operare, collaborare e cooperare con gli infermieri, siano invece destinati a mansioni del tutto improprie, venendo impiegati come magazzinieri o peggio facchini.

Ci è stato riferito che alcuni OSS hanno dovuto provvedere di propria iniziativa all'acquisto di calzature antinfortunistica tipiche dei magazzinieri della logistica. Alcuni hanno dovuto imparare ad utilizzare il transpallet per la movimentazione di bancali pesanti diversi quintali.

Tutto questo rappresenta una vera e propria aberrazione. L'operatore nasce come figura di supporto al processo di assistenza infermieristica. E' una figura fondamentale che deve essere impiegato nel rispetto del proprio profilo professionale nato con la conferenza Stato-Regioni del 22 febbraio 2001.

Davvero i dirigenti ASP confondono gli OSS con gli addetti ai magazzini o pensano davvero di poter utilizzare i propri dipendenti in maniera impropria andando a sopperire di volta in volta le carenze nella dotazione organica?!

In virtù di quanto esposto, chiediamo dunque all'ASP di Messina un incontro urgente e l'apertura di un tavolo paritetico per la stipula immediata di un protocollo per l'inserimento dell'operatore socio sanitario e annunciamo fin da adesso iniziative di lotta per la tutela sia degli operatori che degli infermieri perché dopo anni di attesa vedono sottrarsi una figura preziosa che deve stare al loro fianco.

 

 

Potrebbe interessarti:

Autore
redazione
Autore: redazioneEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Alcune informazioni su di me:
www.operatoresociosanitario.net il sito dedicato all'operatore socio sanitario (oss)
Ultimi articoli di questo autore

SEGUICI ANCHE SU

Concorsi recenti

Ultime notizie