Storia di un Tirocinante OSS fuggita dalla miseria di una RSA

07/10/2009 12:42
detlef
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 1362
Di più
Autore della discussione
Storia di un Tirocinante OSS fuggita dalla miseria di una RSA #7615
Condivido con voi tutti questo sfogo di una tirocinante oss che ha pubblicato la sua testimonianza sul Forum di Panorama

Non chiamatele badanti…


Perche per assistere, pulire e imboccare delle persone anziane immobilizzate in un letto, che si svegliano tutte le mattine e tutti i pomeriggi sporche fino al collo, in un assoluto disagio per chi le cura e per loro stessi, bisogna avere una qualifica, un diploma , due anni di studio, se va bene, con tanto di lezione di psicologia e di conoscenze su gli alimenti…glicidi , protidi e lipidi…fasi del sonno REM e non REM… e bisogna avere un grandissimo stomaco, perche quell’ odore ti rimane attaccato alla gola e quelle immagini impresse nell’anima , ci vuole veramente coraggio e tanta buona volontà. Chiamatele Assistente Familiare o ancor di più Operatore Socio Sanitario. Adesso vi racconto la mia breve ( ammesso che il tempo è relativo) esperienza come tirocinante in una R.S.A. ( casa di cura). Si incomincia alle 7 del mattino, gli operatori entrano nelle stanze degli ospiti agitati, urlando come se li ci fossero tutt’altro che delle persone malate ed incapace di dire “ per favore ci siamo appena svegliati “, si prende il necessario per l’igiene quotidiana nel carrello e si incomincia a cambiare i pannoloni… li si lava alla meglio, con tanto di schiuma che rimane poi tra i peli pubici e le pieghe e li si mette il pannolone pulito, si cambiano i vestiti e sono portati in sala per colazione. Chi è in grado di vestirsi da solo e andare in bagno lo può fare ( ho provato ad aiutare una signora ad abbottonarsi il vestito;una operatrice mi ha tirato per il braccio urlandomi che lei c’e la faceva da sola). Si cerca di fare tutto abbastanza veloce perche il tempo è quello che è. Dopo di che, quando gli ospiti sono già tutti belli e puliti si portano in sala, si serve la colazione. Chi non è in grado di spezzare i biscotti dentro il latte aspetta che prima o poi passi l’operatore a farlo. Finita la colazione si tolgono le stoviglie e loro stanno li a guardare il tempo che passa… nel frattempo, insieme agli operatori andiamo a fare i letti. Finito tutto, sono le 10:30 andiamo tutti a fumare le nostre sigarette…c’è chi fa vedere ai colleghi i nuovi acquisti, non roba da mercato, ma di negozio, c’è chi si prende il caffè. Passa un’ora ( non c’era bisogno di correre visto che avevamo tutto quello tempo disponibile ), si serve il pranzo a mezzo giorno. Quello che mi ha stupito in sala da pranzo è che mangiano tutti insieme, nel senso che, in un unico tavolo c’è chi è in grado di mangiare da solo ,c’è chi deve essere imboccato con una seringa piuttosto sgradevole da vedere. Ammesso che non sono tutti fuori di testa, penso che sarebbe di buon gusto disporli in modo più adeguato. Gli operatori, per rispettare le regole, devono avere le cuffie nei capeli, anche se rimangono tutti fuori. Io non potevo aiutare a preparare i piatti perche non avevano una cuffia da darmi. Finito il pranzo gli ospiti sono portati di nuovo nelle stanze per il riposo pomeridiano, se cosi si può dire.Noi andiamo tutti in sala consegna:a proposito,ho chiesto a una operatrice italiana che cosa era la consegna, mi ha risposto: per te che cos’è la consegna? (bella risposta!) – Ho agginto: il verbo consegnare per me vuol dire dare qualcosa a qualcuno, lei mi ha detto: non dire cosi neanche alla scuola perche fai la figura di m. Non ho voluto fare polemica perche ero già abbastanza stanca, ma tra me e me ho pensato: ignorante, si dice consegna perche bisogna “consegnare agli operatori del turno successivo “quello” che è sucesso nel turno precedente. Si vede che non sa il significato della espressione “ in senso metaforico”! Non mi stupisce più l’arroganza di chi crede che basta un diploma per essere chissà che cosa… Fatta la consegna si sta su balcone a chiacchierare e fumare le sigarette fino alle tre, fino a quando andiamo poi a svegliare gli ospiti. Di nuovo il cambio dei pannoloni. Li portiamo in sala da pranzo e stanno li di nuovo a guardare il tempo aspettando la cena. Questa è la giornata tipica di una R.S.A.

Mi ha stupito una signora che cantava tutto il giorno e rilasciava un sorriso a tutti, era allegra, diceva sempre: “ forza e coraggio”! mi faceva ridere, perche tra me e me pensavo: ce ne vuole proprio! A dire il vero non ho capito molto bene se lei era o no sana di mente, i suoi occhi mi dicevano di si. Mi ha colpito molto anche un’altra signora che aveva le gambe amputate ( penso che sia per il diabete) ma che con un semplice gesto e un rapido sguardo mi ha fatto percepire tutta la sua dignità, si tirava i pantaloni fino a coprire quello che un giorno erano le sue ginocchia.
Sono stata solo due giorni. Qualcuno potrà dire che sono stata troppo poco tempo per dare un giudizio, ma , ammesso che il tempo è sempre molto relativo, per me sono bastati per capire che quel lavoro non fa per me. Sono andata via con un gran sollievo, non per aver lasciato quella situazione che non mi piaceva, ma per pensare quanto stiamo bene, e come dobbiamo valorizzare quel poco che abbiamo. Penso anche di quanta ipocrisia si alimenta il mondo, di quante regole stupide ci sono da rispettare quando non si ha più niente da difendere. Io spero che un giorno il mondo si accorga di quanta vita ci sia da vivere, di non dover fare un lavoro soltanto per uno stipendio e di quanto c’e bisogno che le leggi vengono cambiate, che le persone devono battersi per i propri diritti di essere liberi di scegliere se vivere o morire.
Ultima modifica di maurulin (12-05-2009 13:36)

Partecipa anche tu scrivendo nel Forum OSS - Registrati subito!
Leggi il Regolamento
Cambia la tua immagine del Profilo
Non scrivere maiuscolo - Educazione e Rispetto verso tutti - Impariamo insieme e Divertiti!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

07/10/2009 17:07
sissi1
Iscritto vip+
Iscritto vip+
Messaggi: 2129
Di più
Storia di un Tirocinante OSS fuggita dalla miseria di una RSA #7634
Condivido con voi senza alcun dubbio. Purtroppo esistono anche di queste realtà anche se in quel gruppo di lavoro tremendamente ghettizzato ed egoista (permettetemelo), spero veramente per quelle persone che ci vivono che ci siano OSS che amino il loro lavoro ed anche se con tanta fatica trovino in loro l'unione e la forza per rendere vivibile ed umano quell' ambiente. Pensate come si sentono quelle PERSONE che vengono buttate la come balle di patate e lasciate in una malinconica solitudine. Tutto questo è veramente TERRIBILE. Sinceramente mi vergogno per loro ma al contempo sono felice di non essere una di loro.

Partecipa anche tu scrivendo nel Forum OSS - Registrati subito!
Leggi il Regolamento
Cambia la tua immagine del Profilo
Non scrivere maiuscolo - Educazione e Rispetto verso tutti - Impariamo insieme e Divertiti!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

07/10/2009 17:43
Alfi1
Iscritto+
Iscritto+
Messaggi: 53
Di più
Storia di un Tirocinante OSS fuggita dalla miseria di una RSA #7637
Io lavoro in Chirurgia Pediatrica e forse mi è più facile essere gentile con i bambini che poi porto in sala operatoria, però io sto a contatto anche con i genitori e mi immedesimo in loro, con le loro ansie e le loro paure e così cerco di tranquillizzarli in tutto. Nel mio reparto facciamo tutti così perché anche noi vorremmo essere trattati così se andassimo in altri reparti come pazienti. Così voglio dire a quelle persone che trattano male i pazienti che in futuro possono trovarsi loro dall'altra parte e gli auguro di trovare personale sanitario della loro stessa risma, così sapranno cosa si prova ad essere trattati come fanno loro. :angry:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

07/10/2009 21:25
poseidonia
Iscritto vip
Iscritto vip
Messaggi: 468
Di più
Storia di un Tirocinante OSS fuggita dalla miseria di una RSA #7649
carissimi colleghi,
quanti di noi hanno avuto la stessa impressione il primo giorno di tirocinio in RSA?
sono certa che leggendo hanno rivissuto come in un film le medesime emozioni!
Era una realtà nuova anche se ne avevamo sempre sentito parlare.. anche se durante le lezioni del corso eravamo convinte di essere preparate a tutto!
Anche per me il primo giorno fu difficile.
una valanga di indefinibili sensazioni: tristezza,depressione,inadeguatezza...ecc.
Di ritorno a casa, ero sconfortata e avevo bisogno di tirare le somme, addirittura avevo voglia di esprimere scrivendo tutto quello che stavo provando, volevo comunicarlo all'esterno! volevo gridarlo!
Pensavo: come sono insensibili quelle colleghe...oppure: ma come si fa a lasciare una madre in quel posto, in un posto dove chi entra ha smesso di sognare.
ogni giorno però, la visione della realtà mutava, trovavo mio malgrado risposta alle mie mille domande.
No, non scappai anzi si rafforzò la tesi che quello fosse il mio lavoro, la 'mia missione'.
Sarei stata un operatore che oltre all'igiene avrebbe portato l'allegria, un sorriso in un luogo di sofferenza lo ritenni necessario.
Sarei stata diversa, avrei avuto la possibilità di formare in tirocinio altre colleghe trasferendo e sostenendo le mie teorie, promotrice della differenza! Ho un bel ricordo della casa di riposo e delle colleghe conosciute in quei due mesi(circa) di tirocinio.
Oggi lavoro in ospedale, sono contenta del mio lavoro e quando torno a casa ricordo piacevolmente i principali momenti di allegria che ha "provocato" durante il turno e soprattutto le dimostrazioni di affetto di molti pazienti, e mi dico "anche oggi mi son resa utile".
Concludo dando risposta a colei o colui che con la sua testimonianza ci permette di discutere un pò in questo forum: noi nel nostro piccolo possiamo essere artefici di un cambiamento positivo e scappare invece non ha mai cambiato nulla :(

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

08/10/2009 01:01
sissi1
Iscritto vip+
Iscritto vip+
Messaggi: 2129
Di più
Storia di un Tirocinante OSS fuggita dalla miseria di una RSA #7655
Concordo con te lorella non si deve mai scappare ma sempre affrontare, ma capisco anche colei che si è trovata davanti ad' una realtà che corderai con me non era certo delle più felici.E comunque anche io sono dell'avviso che ogniuno di noi nel suo piccolo può continuare a sostenere la propria teoria e la propria idea per far si che le cose cambino.

Partecipa anche tu scrivendo nel Forum OSS - Registrati subito!
Leggi il Regolamento
Cambia la tua immagine del Profilo
Non scrivere maiuscolo - Educazione e Rispetto verso tutti - Impariamo insieme e Divertiti!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

08/10/2009 15:54
mill66
Iscritto oro
Iscritto oro
Messaggi: 132
Di più
Storia di un Tirocinante OSS fuggita dalla miseria di una RSA #7676
Ognuno di noi e' vero,deve nel suo piccolo sostenere le proprie idee,per far si che le cose cambino....ma trovandosi di fronte alla vita reale ,si deve anche avere il coraggio di cambiare le proprie idee, e questo e'un segno di maturita'...e credo che la nostra amica lo abbia dimostrato... Purtroppo a volte ci si scontra con la realta' e non e' proprio cosi facile cambiare le cose............

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

08/10/2009 16:27
sissi1
Iscritto vip+
Iscritto vip+
Messaggi: 2129
Di più
Storia di un Tirocinante OSS fuggita dalla miseria di una RSA #7687
hai ragione cambiare le proprie idee è un segno di maturità e di capacità di mettersi in discussione, ma scusami scappare non è certamente da persone che dimostrano maturità. :P

Partecipa anche tu scrivendo nel Forum OSS - Registrati subito!
Leggi il Regolamento
Cambia la tua immagine del Profilo
Non scrivere maiuscolo - Educazione e Rispetto verso tutti - Impariamo insieme e Divertiti!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

05/03/2010 23:00
liza
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1845
Di più
Storia di un Tirocinante OSS fuggita dalla miseria di una RSA #16931
Cari colleghi, nonostante i lunghi mesi della mia partecipazione al forum, oggi per la prima volta ho letto un post che mi permetto di riproporre perchè mi ha particolarmente colpito. Spero che lo leggano tutti quei giovani colleghi che si apprestano a diventare oss. Fate tesoro dell'esperienza di quella tirocinante .Siate degli ottimi operatori e no come quelli descritti perchè siete voi che potete fare la differenza. Ciao Liza

Partecipa anche tu scrivendo nel Forum OSS - Registrati subito!
Leggi il Regolamento
Cambia la tua immagine del Profilo
Non scrivere maiuscolo - Educazione e Rispetto verso tutti - Impariamo insieme e Divertiti!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

06/03/2010 09:38
barby71
Iscritto oro
Iscritto oro
Messaggi: 154
Di più
Storia di un Tirocinante OSS fuggita dalla miseria di una RSA #16948
Sono allibita io lavoro in rsa da otto anni ma i pochi operatori che si avvicinavano solo lontanamente ad un approccio di qs genere al pz. venivano lasciati a casa. Sono fortunata? Non lo so ma io vedo nei miei pazienti i miei cari e vorrei venissero curati come li curiamo noi con amore e gentilezza è ovvio che talvolta si può essere stanchi e avere qualche scatto ma bisogna essere in grado di tornare sui propri passi e chiedere scusa anche con un sorriso. Appena il tempo me lo permette mi fermo a parlare con loro, guardo le foto dei loro cari e io faccio vedere le foto dei miei figli, giochiamo a carte ; andare al lavoro avvolte mi stacca dalle preoccupazioni che ho a casa e non è poco.

Partecipa anche tu scrivendo nel Forum OSS - Registrati subito!
Leggi il Regolamento
Cambia la tua immagine del Profilo
Non scrivere maiuscolo - Educazione e Rispetto verso tutti - Impariamo insieme e Divertiti !

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

06/03/2010 21:12
michi
Iscritto vip
Iscritto vip
Messaggi: 462
Di più
Storia di un Tirocinante OSS fuggita dalla miseria di una RSA #16987
ciao io posso dire la mia esperienza durante il tirocinio che e' stata positiva ,pero' ci sono alcune rsa con operatori (pseudo operatori) che si comportano da non professionisti...io l'ho vissuta da vicino pochi giorni ma orribili con una persona a me cara....

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Discussioni simili

Oggetto della discussioneRilevanzaData ultimo messaggio
Primo tirocinio OSS1Giovedì, 30 Maggio 2013
Formazione OSS1Venerdì, 05 Maggio 2017
Primo tirocinio corso OSS1Giovedì, 30 Aprile 2015
Tirocinio Corso OSS1Lunedì, 26 Marzo 2012
Ammissione Corso OSS1Mercoledì, 02 Dicembre 2009
Differenza dei conpiti tra OSS e OSA1Martedì, 03 Maggio 2016
Consigli per il tirocinio oss0Domenica, 05 Dicembre 2010
Tirocinio per riqualifica da osa a oss0Mercoledì, 28 Settembre 2011
Tirocinio corso oss usl 10 toscana.0Mercoledì, 06 Marzo 2013
Tirocinio Oss0Martedì, 10 Febbraio 2015
Moderatori: angy81detlefROBERTA