Etica e Deontologia per Operatore Socio Sanitario OSS

Muoversi con empatia

Di più
9 Anni 3 Mesi fa #98381 da Mirco Marchetti
Molto spesso sento parlare di empatia in maniera impropria. L'empatia non e' un atteggiamento amorevole o pietistico nei confronti di un paziente. L'empatia e' una sorta di fredda simpatia, non tanto fondata su una base emozionale, quanto invece razionale e professionale. Per potersi mettere nei panni altrui in maniera efficace, anzitutto occorre dar legittimazione alle altrui ragioni. Con cio' non si intende dire che l'Altro, il paziente o utente, abbia aprioristicamente ragione, quanto invece si intende conferire un riconoscimento, ponderale e ragionato, delle altrui ragioni in modo da poterle gestire professionalmente. Questo atteggiamento spinge l'operatore ad una comunicazione efficace agli scopi, o meglio, agli obiettivi che professionalmente si intendono perseguire. Comunicare infatti significa “mettere in comune”. L'empatia quindi, lungi dall'esser qualcosa che si avvicina all'umana pietas, ci permette, nell'indossare i panni di chi ci e' di fronte, di mettere in comune le nostre ragioni con le altrui ragioni. Questo e' il primo passo che ci consente di gestire una situazione problematica. Ovviamente occorre che l'operatore sia integro, equilibrato e che sappia gestire, indirizzandole in maniera appropriata, le proprie emozioni. Occorre che l'operatore dimostri insomma di essere un professionista.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: angy81detlefROBERTA
Tempo creazione pagina: 0.142 secondi