Il rapporto supportivo: l'unico rapporto d'aiuto

La relazione supportiva è una relazione tra più persone di pari dignità, anche se diverse per ruolo professionale e condizione esistenziale.

Il rapporto supportivo è una relazione cooperativa particolare tra una persona che è in stato di bisogno e un'altra persona che mette a sua disposizione la propria competenza professionale.
Nel rapporto supportivo, l'operatore si prefigge come obiettivo, di condurre il paziente al massimo grado possibile di autonomia e di benessere. Cercando di superare quindi lo stato di dipendenza.

La relazione supportiva è costituita da una serie di elementi:

  • FIDUCIA (gli elementi che maggiormente concorrono a fondarla sono: una buona comunicazione ed in particolare la disponibilità all'ascolto).
  • EMPATIA (l'empatia con il paziente è il risultato di un rapporto professionale equilibrato che evita, sia l'eccessivo coinvolgimento emotivo che l'isolamento emotivo.
  • INTERESSAMENTO ALL'ALTRO (accettazione incondizionata dell'altro come persona, anche nei suoi aspetti più sgradevoli. Questo atteggiamento di accettazione, di fondo si esprime più che con le parole, con la comunicazione non verbale).
  • AUTONOMIA E RECIPROCITA' (significa dialogo, significa dare al paziente le informazioni necessarie e, trarre dal paziente tutte le notizie utili, evitando così errori).

Nel rapporto supportivo, oggi ritenuto la miglior modalità di relazione terapeutica, l’operatore sanitario si prefigge come obiettivo di condurre il paziente al massimo grado d’autonomia e benessere possibile e svolge, qual’ora si rivelasse necessario, il suo ruolo di supplente in maniera tale che il cliente arrivi a vivere più pienamente di quanto non facesse al momento del primo incontro.

E’ evidente che ogni scambio interpersonale è una relazione di aiuto; tuttavia ricordando il primo assioma della comunicazione “non si può non comunicare”, ogni comportamento è una comunicazione, attività o inattività, parola o silenzio, tutto ha valore di messaggio35. Sarà, dunque, auspicabile che l’operatore sanitario in questo rapporto, in presenza del suo cliente, non emetta che dei messaggi destinati ad aiutare quest’ultimo.

Il rapporto supportivo o di aiuto si articola in quattro fasi:

  • Fase di pre-interazione: per l’operatore sanitario il rapporto con il paziente inizia molto prima del contatto personale con lui. Il più della volte l'operatore è già in possesso di alcuni dati relativi al paziente prima di incontrarlo, dai semplici dati anagrafici alla cartella clinica. Grazie a queste informazioni l’operatore può farsi qualche idea preliminare sul rapporto futuro con il paziente e prepararsi ad accoglierlo nel migliore dei modi.

  • Fase introduttiva o di orientamento: l’atmosfera in cui avviene il primo incontro tra operatore e paziente stabilirà le caratteristiche di tutto il rapporto e costitutuirà l’elemento determinante dell’efficacia dell’assistenza. Perciò occorre dedicarvi una attenzione particolare e, quando possibile, fare una pianificazione nella fase di pre-interazione per garantire un esito positivo al primo incontro.

    In qualsiasi rapporto interpersonale è importante conoscere il nome dell’altro, questo è ancora più importante nel rapporto supportivo. Quando due persone si presentano offrono una parte di se stesse, il che sta ad indicare che sono disposte a stabilire un rapporto e ad approfondirlo.Presentarsi, nella nostra società, è considerata una manifestazione di amicizia. Oltre a dire il proprio nome l’operatore, in questa fase, dovrebbe spiegare all’assistito, anche quale è il proprio ruolo nell’ambito dell’ospedale e, in particolare, in rapporto al paziente, fissando, il più possibile di comune accordo, le modalità e gli obiettivi di assistenza. In questo modo il paziente avrà un’idea di ciò che deve aspettarsi dall’operatore. Tuttavia questa opinione dovrà poi essere verificata man mano che il rapporto progredisce. In questa fase possiamo ritrovare le prime tre fasi del processo di nursing, la raccolta dati, la formulazione delle diagnosi e la pianificazione degli obiettivi.

  • Fase attiva o di mantenimento: i soggetti ora si sentono più a loro agio nel rapporto in quanto si conoscono meglio. Se il rapporto si evolve in modo positivo, si dovrebbero verificare dei periodi di “crescita”, rilevabili attraverso modificazioni positive del comportamento. Questi periodi di crescita potrebbero alternarsi a periodi di resistenza, durante i quali il paziente tende a mantenere determinati comportamenti o a regredire a comportamenti precedenti. Per tanto in questa fase è importante che l’operatore incoraggi il paziente ad esprime i propri sentimenti liberamente e dimostri di saper capire da cosa essi derivano. Questo spesso comporta ad una modifica positiva del comportamento. I sentimenti che vengono espressi con maggior frequenza dal paziente sono la collera, la tristezza e la simpatia o l’antipatia. Mano a mano che il rapporto si evolve e la fiducia reciproca tra operatore e paziente si rafforza, nascono anche sentimenti di affetto reciproco. E’ responsabilità dell’operatore far si che questi non superino i limiti di una rapporto supportivo professionale.

    Bisogna ammettere però, che non sempre è facile fronteggiare e comprendere particolari situazioni dal forte carico emotivo con cui l’infermiere può venire a contatto sopratutto nel corso di questa fase ma è importante che questo sappia mantenere costantemente un atteggiamento obiettivo che faccia in modo che gli obiettivi del rapporto non vengano persi di vista. Con il passare del tempo è probabile che gli obiettivi vengano modificati, che quelli fissati vengano sostituiti e che ne vengano aggiunti di nuovi. E’ necessario che gli obiettivi vengano realizzati affinchè si resti sui binari di una relazione terapeuticamente efficace. Qui ritroviamo la pianificazione degli interventi e l’attuazione, quarta e quinta fase del processo di nursing.

     

  • Fase conclusiva: quest’ultima fase inizia con una positiva valutazione generale (sesta e ultima fase del processo di nursing) basata sui comportamenti raggiunti, preventivamente concordati e fissati negli obiettivi. La valutazione sussegue ogni nostro intervento e può portare alla conclusione o all’inizio di nuovi piani. La fine di un rapporto supportivo positivo viene spesso affrontata con sentimenti ambivalenti. Alla soddisfazione che entrambi i soggetti provano per essere riusciti a realizzare gli obiettivi fissati, fa riscontro il riconoscimento di un imminente perdita di una persona con la quale si è condiviso esperienze molto importanti.

    A volte può accadere in questa fase che la persona riviva delle esperienze del passato legate ad una perdita magari non ben affrontata ed è perciò probabile che nascano in lui sentimenti di collera, di paura e di tristezza. Si deve poter parlare di questi sentimenti ed esprimerli per far si che questi non si accumulino. Quando la fine del rapporto si presenta come un evento inevitabile, anche nell’infermiere spesso nascono sentimenti di collera e tristezza, con tutta probabilità rivolti alla circostanza che ha segnato la conclusione. Saper accettare e gestire le proprie emozioni è per l’operatore l’unico modo per imparare a capire quelle dei sui clienti. Capire le emozioni di chi abbiamo d’avanti, è dargli la possibilità di esprimersi profondamente e ciò si trasforma spesso in un grande aiuto.

Fine del rapporto supportivo

La fine di un rapporto supportivo, a volte implica la consuetudine di scambiarsi dei doni. Tuttavia questo scambio deve essere valutato ed analizzato accuratamente. Occorre avere una certa dose di sensibilità quando sorge la questione dei regali. Lo scambio dei doni deve essere fondato su una base logica e sincera. Non bisogna impedire al paziente di esprimere i propri sentimenti attraverso un dono e l’operatoree deve valutare bene le proprie motivazioni se desidera fare altrettanto.

Un esempio di incomprensione può essere fatto se un paziente fa dei piccoli regali sperando di poter corrompere l’operatore per continuare a vederlo. Da parte sua l’operatore che accetta questi doni senza verificarne la motivazione può far intendere al paziente che è disposto a continuare il rapporto. Scambiarsi un piccolo dono può rivelarsi un’esperienza piacevole sia per l’operatore che per il paziente ma bisogna che questi condividano e comprendano pienamente il significato che attribuiscono a quel gesto. E’ opportuno ricordare che in un rapporto professionale non è obbligatorio scambiarsi dei doni ed è comunque preferibile non accettare mai regali troppo impegnativi dal paziente. Perché sia utile la fine del rapporto deve essere netta e definitiva come indica il termine.

Decine di rapporti vengono iniziati, mantenuti e conclusi da un operatore nel corso della sua esperienza professionale. Ogni rapporto però è unico. Ciascun rapporto offre all’operatore nuove opportunità di migliorare le proprie tecniche interpersonali e di acquisire una sempre maggiore autocoscienza.

Se l’operatore non si impigrisce sulla routine e affronta ogni rapporto con la volontà di migliorare sempre di più le proprie tecniche interpersonali, sarà ricompensato dalla certezza di aver contribuito in modo significativo a migliorare il benessere delle persone che ha cercato di aiutare.

Riassumendo, la relazione di aiuto, vale a dire un modo di procedere adatto a liberare l’altro e che rivela alcune attitudini interiori di colui che aiuta, è la conditio sine qua non delle cure efficaci. Quale che sia lo scopo a cui essa mira, l’indipendenza secondo Henderson, l’adattamento secondo Roy o l’equilibrio secondo Johnson.

Potrebbe interessarti:

Autore
redazione
Autore: redazioneEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Alcune informazioni su di me:
www.operatoresociosanitario.net il sito dedicato all'operatore socio sanitario (oss)
Ultimi articoli di questo autore

SEGUICI ANCHE SU

Concorsi recenti

Ultime notizie