Questo sito utilizza alcuni cookies per migliorare i servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Ancora lotta per il tempo del cambio divisa



Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
L’unione sindacale di base (USB) sostiene e promuove le vertenze in tutti i luoghi di lavoro, per il riconoscimento del "Tempo Divisa".
A tutte le Fondazioni, RSA, Cooperative Sociali, Case di Riposo, Ospedali Privati, Cliniche Private, ecc……

Inizia la battaglia per il “Tempo Divisa”. Perché indossare la divisa e le scarpe è considerato tempo di lavoro in tutte le sedi di lavoro. Le Lavoratrici ed i Lavoratori che hanno l’obbligo di indossare una divisa, hanno il diritto del riconoscimento del “Tempo Divisa”. Pertanto tutte le Amministrazioni hanno l’obbligo di trovare un accordo (Sindacale), per il riconoscimento del tempo necessario al Lavoratore di cambiarsi e di raggiungere il proprio posto di lavoro.

Noi di USB, da tempo abbiamo lanciato una forte battaglia per il riconoscimento del “Tempo Divisa” perché questa vertenza; Una direttiva comunitaria del 2003 che dice: “L’orario di lavoro è qualsiasi periodo in cui il Dipendente sia al lavoro a disposizione del datore, nell’esercizio della sua attività e delle sue funzioni, indossare una divisa, o una tuta da lavoro, vuol dire eseguire disposizione dell’azienda, cioè svolgere un’attività che deve essere retribuita”.

Oss in divisaAltre sentenze favorevoli si sono in seguito aggiunte, molti accordi aziendali sono stati sottoscritti dove USB è presente, molte vertenze sono state vinte da USB in tutta Italia. E' ancora più importante la posizione della Direzione Generale Sanità della Regione Lombardia in merito al riconoscimento del tempo di vestizione, inviando a tutte le Direzioni Aziendali una nota che chiarisce senza ombra di dubbio che il tempo impiegato per la vestizione del personale deve essere retribuito.

Facciamo quattro conti: in un solo giorno di lavoro, tra vestirsi per iniziare un turno e spogliarsi prima di tornare a casa, si perdono tra i 10 e i 15 minuti, se si considera una media di 10 minuti impiegati tra vestirsi e spogliarsi, in capo ad un anno da 260 giorni di lavoro, i minuti diventano 2.600, cioè quasi 43 ore ( 7 giorni di ferie o riposi in più) contado gli otto anni anni di arretrato spettanti (2003-2011) 2600 minuti x 8 anni fanno 20.800 minuti, pari a 357 ore (una media di 57 giorni di ferie o riposi in più) oppure queste ore di arretrato spettanti possono essere convertiti in euro e facendo una piccola ipotesi di € 10,00 all’ora al dipendente spetterebbero Euro 3.570 pro capite, queste sono le ferie o riposi lasciati oppure i soldi regalati ai Padroni.

Da questi conti che USB ha deciso a livello Regionale e Nazionale di avviare le vertenze in tutti i posti di lavoro per portare Salario e diritti in un contesto dove Governi, Regioni, Padroni, e i loro “amici” cgil, cisl, uil, tagliano salari e diritti. Sappiamo che in alcune strutture è bastato la nostra comunicazione, o il nostro volantino per “svegliare” gli altri sindacati, che come loro abitudine non gli riesce di fare altro che rincorre USB sui diritti, purtroppo non per recuperare terreno sulle proposte, ma unicamente per ostacolare USB.

USB Sanità Privata oltre che al confronto con tutte le amministrazioni, userà tutti gli strumenti per far rispettare i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori

Unione Sindacale di Base - Lavoro Privato – Lombardia
Via Mossotti 1 20159 Milano
Tel. 02683091 fax 026080381
www.lombardia.usb.it
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 3382523437

CONTATTA LE SEDI USB DELLA TUA PROVINCIA, OPPURE I NUMERI ELENCATI PER DAR VOCE ALLE TUE RIVENDICAZIONI
ISCRIVITI E SOSTIENI LE LOTTE DI USB PER SALARIO DIRITTI E DIGNITA’
e-max.it: your social media marketing partner