Questo sito utilizza alcuni cookies per migliorare i servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il malato terminale e la morte



Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

La morte dal punto di vista etico
Diritti del malato e dei morenti: tutti gli ammalati devono avere la possibilità di prepararsi psicologicamente alla morte
Progresso scientifico tecnico e cultura della morte: considerare che non tutto quello che è tecnicamente possibile è umanamente giusto
Verità al malato: gli operatori sanitari devono imparare ad affrontare l’evento della morte per poter aiutare l’uomo a morire
Morire umanamente: comprendere, ascoltare, comunicare con il paziente morente.


Le cinque fasi che precedono la morte
1. rifiuto:
il malato non accetta la diagnosi
2. collera: il malato si chiede perché debba essere proprio lui e non altri a morire
3. trattative: cerca di comunicare con Dio promettendo qualcosa in cambio della sua vita
4. depressione: il malato sta per perdere tutto ciò che ha. Non c’è bisogno di parole o incoraggiamento da parte degli operatori. Troppi visitatori danno fastidio
5. accettazione: aumenta il bisogno di sonno. Il malato non deve essere mai lasciato solo, far sentire anche ai parenti la propria comprensione.


Il malato terminale
E’ colui che entra in una fase clinica irreversibile che porta alla morte
? Il malato è inguaribile ma non incurabile
? Quando non si possono fare altri tipi di terapia si ricorre alle cure palliative con lo scopo di offrire la migliore qualità di vita
? Si deve preservare l’autonomia e l’autodeterminazione del soggetto considerando anche il suo diritto a rifiutare i trattamento sanitario

Eutanasia o buona morte significa morte umanizzata.
Spesso la richiesta fatemi morire significa alleviate il mio dolore, non una richiesta di morte vera e propria.
? Il luogo migliore per l’assistenza del malato terminale è il suo domicilio dove può avere il conforto dei suoi familiari
? Non si deve trasformare la casa del terminale in una succursale dell’ospedale e non si deve mortificare la speranza del paziente perché lo aiuta a sopportare la situazione, si deve però evitare di illuderlo
? La famiglia deve essere educata all’assistenza del paziente
? L’operatore deve comprendere il significato della morte
? Nel momento della morte c’è bisogno di una presenza rassicurante
? Oltre ai problemi fisici l’operatore deve saper affrontare anche i problemi psicologici e spirituali
? Le fasi che precedono la morte sono 5 (quelle descritte sopra).


e-max.it: your social media marketing partner